Whistleblowing

Aggiornata il 26 Marzo 2024 alle ore 15:44

Aggiornato il 26 Marzo 2024 alle 15:44

Segnalazioni di condotte illecite –WHISTLEBLOWING (sentinella civica) è uno strumento a disposizione del settore pubblico e privato che si prefigge di regolamentare e facilitare la segnalazione di illeciti di cui il soggetto sia venuto a conoscenza nell’ambito del proprio contesto lavorativo. Introdotto dalla L. 190/2012, rafforzato con la L. n. 179/2017 e recentemente innovato con d.lgs. n. 24/2023, in attuazione della Direttiva (UE) 2019/1937 ha ampliato le tutele in caso di segnalazione di illeciti, estendendo l’ambito applicativo soggettivo e prevedendo procedure ulteriori per preservare i soggetti segnalanti da possibili ritorsioni.

L’istituto del whistleblowing in questione si applica ai seguenti soggetti:

  • Ai dipendenti a tempo determinato o indeterminato dell’Azienda;
  • Ai lavoratori e collaboratori di imprese fornitrici di beni e servizi e che realizzano opere in favore dell’Azienda;
  • Lavoratori autonomi che svolgono la propria attività lavorativa presso l’Azienda;
  • Collaboratori, liberi professionisti e i consulenti che prestano la propria attività presso l’Azienda;
  • Volontari e tirocinanti, retribuiti e non retribuiti;
  • Persone con funzione di amministrazione, direzione, controllo, vigilanza (es. componenti degli Organismi Interni di Valutazione).

CANALI DI SEGNALAZIONE:

INTERNO

  • Attraverso la Piattaforma  Whistleblowing https://aslcaserta.whistleblowing.it/#/
  • All’indirizzo di posta elettronica trasparenza@aslcaserta.it.  In tal caso, l’identità del segnalante sarà conosciuta solo dal Responsabile della Prevenzione della Corruzione (RPCT);
  • A mezzo servizio postale o tramite posta interna indirizzata al Responsabile della Prevenzione della Corruzione. In tal caso, per garantire la riservatezza, è necessario che la segnalazione venga inserita in due buste chiuse: la prima con i dati identificativi del segnalante unitamente alla fotocopia del documento di riconoscimento (Modulo A)Informativa sul trattamento dei dati personali in relazione alla segnalazione del Whistleblower la seconda con i dati relativi alla segnalazione, in modo da separare i dati identificativi del segnalante dalla segnalazione (Modulo B). Entrambe dovranno poi essere inserite in una terza busta chiusa che rechi all’ esterno la dicitura “Riservata – Whistleblowing” ed indirizzata al RPCT. Tali comunicazioni verranno acquisite al protocollo generale dell’Azienda, con l’opzione “riservata”, tramite scansione e registrazione solo dell’involucro esterno, che verrà poi trasmesso senza ritardo al RPC
  • In forma orale, su richiesta della persona segnalante, mediante un incontro diretto con il RPCT fissato entro un termine di sette giorni dalla richiesta. In tal caso la segnalazione, previo consenso della persona segnalante, è documentata a cura del RPCT mediante verbale.

Ciascuna segnalazione sarà annotata in apposito registro tenuto dal RPCT e ad essa verrà assegnato, anche ai fini della successiva trattazione, un codice identificativo alfa-numerico. In caso di conflitto di interessi, anche solo apparente o potenziale, il RPCT si astiene dalla trattazione dell’evento, ne dà comunicazione al Direttore Generale e inoltra la segnalazione ricevuta all’ANAC.

ESTERNO

  • Presso ANAC. Fermo restando la preferenza per il canale interno di segnalazione, è possibile ricorrere esternamente al seguente link: https://whistleblowing.anticorruzione.it
  • Divulgazione Pubblica
  • Denuncia all’Autorità Giudiziaria o Contabile.

Normativa di riferimento

NomeAllegato
DECRETO LEGISLATIVO 10 marzo 2023, n. 24 - Attuazione della direttiva (UE) 2019/1937 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2019, riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione e recante disposizioni riguardanti la protezione delle persone che segnalano violazioni delle disposizioni normative nazionaliAllegato
Delibera ANAC n.469 del 09/06/2021 - Linee guida in materia di tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza in ragione di un rapporto di lavoro, ai sensi dell’art. 54-bis, del d.lgs. 165/2001 (c.d. whistleblowing)Allegato
"Whistleblowing": contesto internazionale e italiano (prima della L. n. 190/2012). Tratto dal "Rapporto della Commissione per lo studio e l'elaborazione di proposte in tema di trasparenza e prevenzione della corruzione" istituita con Decreto del Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione del 23/12/2011Allegato
Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell'ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privatoAllegato